Miele d'Acacia Ci sono 7 prodotti.

Miele d'Acacia
In questa sezione raggruppiamo i vari mieli d'acacia.

L'acacia, introdotta in Europa dal Nord America nel XVII secolo, compare in Italia circa 200 anni fa, dove si è diffusa non solo a scopi ornamentali, ma anche forestali divenendo spontanea in tutto il territorio e tendendo a comportarsi come infestante.
In Lunigiana la diffusione dell'acacia si è certamente consolidata sia con la costruzione, negli ultimi anni dell'800, della ferrovia Parma-Pontremoli-Aulla-La Spezia dove era utilizzata come essenza per il consolidamento delle scarpate della sede ferroviaria, sia negli anni '50, utilizzata come pianta di sostituzione nei boschi di castagno devastati dai primi attacchi di cancro corticale.
Attualmente la provincia di Massa-Carrara è fra quelle della Toscana a più alta concentrazione di boschi di acacia.
La superficie ad acacia in Lunigiana ammonta a circa 2.800 ha ed è diffusa nelle zone abbandonate ed ai margini delle aree coltivate. Le api vi bottinano grandi quantità di nettare durante la fioritura, breve ma molto intensa, che avviene in aprile-maggio.

Caratteristiche organolettiche
Il miele di acacia della Lunigiana si mantiene a lungo liquido e limpido e si presenta quindi in questo stato durante tutto il periodo di commercializzazione.
Può eventualmente presentarsi torbido per la fondazione di cristalli senza tuttavia raggiungere una cristallizzazione completa.
Il colore è molto chiaro, da pressoché incolore a giallo paglierino. L'odore è leggero, poco persistente, fruttato, confettato, simile a quello dei fiori. Il sapore è decisamente dolce, con leggerissima acidità e privo di amarezza. L'aroma è molto delicato, tipicamente vanigliato, poco persistente e privo di retro gusto. La consistenza è sempre viscosa, in funzione del contenuto d'acqua.

Carrello  

Nessun prodotto

Spedizione 0,00 €
Di cui IVA 0,00 €
Totale 0,00 €

I prezzi sono IVA inclusa

Carrello Check out

Promozioni

Non ci sono offerte speciali in questo momento

PayPal